Riqualificazione energetica globale ed ecobonus

riqualificazione energetica

Riqualificazione energetica globale ed ecobonus

Se vi state chiedendo quali caratteristiche debba avere un intervento di riqualificazione energetica globale per usufruire del Ecobonus, siete nel posto giusto.

Anticipo fin da ora che ce lo spiega bene l’Enea con la pubblicazione del “Vademecum sulla riqualificazione globale degli edifici”, pubblicato lo scorso 9 maggio.

L’ Ecobonus a seguito di un intervento energetico globale

Nel vademecum proprie l’Enea fa chiarezza circa l’argomento, specificando che nella categoria “Interventi di riqualificazione energetica” è da comprendersi qualsiasi intervento con incidenza sulle prestazioni energetiche di un determinato edificio.

Tra gli interventi per la riqualificazione energetica globale si annoverano:
– installazione o sostituzione di impianti di climatizzazione invernale;
– coibentazione di strutture opache e sostituzione di finestre, compresi gli infissi;
– installazione o sostituzione di impianti di cogenerazione, tri-generazione, teleriscaldamento e collettori solari.

Affinché sia possibile usufruire dell’Ecobonus, l’edificio interessato dagli interventi di riqualificazione deve essere accatastato, nonché dotato di un impianto termico. La detrazione spettante in questi casi è pari al 65% delle spese totali sostenute, con il limite massimo di € 100.000. 

 

mutuo-green

 

Caratteristiche dell’intervento di riqualificazione energetica

Ogni intervento di riqualificazione energetica, asserisce l’Enea, deve assicurare un indice di prestazione non superiore ai valori limite definiti all’allegato A del DM. 11/03 del 2008.

Inoltre l’intervento deve interessare un’intero edificio, nel pieno rispetto delle leggi e delle normative nazionali e locali in tema di sicurezza per la sostituzione di un generatore di calore con uno a biomassa. L’Enea richiama anche il rispetto dei requisiti tecnico-ambientali per l’installazione delle caldaie a biomassa.

Spese agevolabili e attestazioni per la riqualificazione energetica degli edifici (H2)
Secondo l’Enea sono agevolabili anche tutte le opere strettamente funzionali alla realizzazione degli interventi di riqualificazione; tra queste:
– installazione di ponteggi;
– nuove soglie o davanzali;
– rifacimento di intonaci;
– costi professionali per la realizzazione degli interventi e relativa documentazione tecnica, compresa la redazione dell’APE.
Ricordo che il cliente deve conservare a sua cura sia l’asseverazione di un tecnico abilitato, contente il rispetto dei requisiti tecnici, sia la copia dell’attestato di prestazione energetica (A.P.E.).
bonus fiscali e bonus mobili
LINK UTILI:
You don't have permission to register